Crea sito

Menù vuoto

30 Days Writing Challenge – Day 4: scrivi di qualcuno che ti ispira

Sono le 18.42 mentre inizio a scrivere, alle 19.15 devo essere fuori casa. Ok, direi che siamo un pelo di fretta… oltretutto, le congiunzioni astrali portano sulla mia strada una domanda complicaterrima per la mia persona: SCRIVI DI QUALCUNO CHE TI ISPIRA.

Ah.
Bene.
Na parola.

Per natura, se apprezzo una persona non glielo dico. Il mio mutismo in merito è direttamente proporzionale all’entità dell’ammirazione che nutro nei confronti di quella persona, cosa che può portare al malinteso del secolo, ovvero pensare che invece non apprezzo affatto.  Sto cercando di uscire dal tunnel, ma ammettere che mi piace qualcosa o qualcuno mi è sempre stato estremamente complicato: mi fa sentire come se stessi mettendo a nudo una parte vulnerabile, nella mia testa risuona come un “adesso che lo sai ti sto mettendo in mano un’arma per farmi dispiacere”, ed è brutto parecchio. Spero si trovi una cura per questa pippa mentale perfettamente inutile.

Da piccoletta, mentre i miei coetanei impazzivano appresso Holly e Benjy piuttosto che Candy o le Tartarughe Ninja, io ero tutta un cuore per Lady Oscar e Sandokan. Cioè… tuttora lo sono, in realtà! Apparentemente non c’azzeccano una mazza l’uno con l’altro, ma a ben guardare non è proprio così: entrambi con natali nobili, ad entrambi nonostante questo è stato tolto qualcosa, entrambi orgogliosi e combattivi e totalmente sfigati in amore. Mi piacevano perchè nonostante la sfiga e le imposizioni il loro carattere era rimasto intatto, portandoli a diventare punti di riferimento per gli altri e capaci di prendere decisioni anche impopolari o difficili, ma comunque decisioni loro.

Cioè, intendiamoci: ero un bambina parecchio evoluta, ma le riflessioni che avevo fatto all’epoca mi erano più nebulose. Adesso che tanto piccola non lo sono più sono riuscita a dare un filo logico alla faccenda!

Ora che mi ci trovo a riflettere per la challenge, l’imprinting è rimasto quello. Continuo a nutrire un’ammirazione sconfinata, una stima megagalattica e di conseguenza cerco di ispirarmi sempre a persone che si ritrovano ad un certo punto della vita in una situazione che non hanno voluto per le ragioni più disparate, dalla sfiga alla salute, ma restano fedeli a loro stesse reinventandosi e non allontanandosi mai troppo dal loro binario, che si reinventano e si lamentano la metà della metà delle volte rispetto alle persone che o non ne hanno motivo, o invece ce l’hanno ma non cambiano niente di quel che possono cambiare. Fortunatamente mi sono imbattuta in più di una persona con queste caratteristiche, ed ognuna di loro mi ha dato qualcosa che spero di applicare nella mia vita nel migliore dei modi e non soltanto a parole.

Non farò nomi, per due motivi: la premessa fatta all’inizio, ed il fatto che vorrei dare loro la mia ammirazione di persona. Insieme ad un bel grazie.

 

Ila

 

(19.06…. missione compiuta!!!)

, ,

No comments yet.

Dì la tua :)

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: